Appunti di diritto amministrativo e civile

a cura dell'avv. Raffaello G. Orofino

Le spese relative al precetto, come quelle di tutti gli altri atti successivi e conseguenti alla sentenza, ben possono essere contenute nel precetto stesso, senza che occorra una liquidazione da parte del giudice dell’esecuzione, costituendo un accessorio di legge alle spese processuali

Cassazione civile, Sez. III, 29 luglio 2002, n. 11170

Precetto – Precettabilità delle spese ad esso inerenti – Ammissibilità.

Poiché il precetto è un atto che precede l’esecuzione, le relative spese ben possono essere contenute nel precetto stesso, senza che occorra una liquidazione da parte del giudice dell’esecuzione, costituendo esse un accessorio di legge alle spese processuali, come quelle di tutti gli altri atti successivi e conseguenti alla sentenza (notificazione, trascrizione e registrazione della sentenza), ovviamente laddove effettivamente sostenute (cfr. Cass. n. 457/1994; Cass. S.U. n. 1471/1996; Cass. n. 2870/1984).

Poiché dette spese conseguono per legge, il giudice che abbia condannato la parte soccombente non solo al pagamento delle spese processuali effettivamente sostenute fino al momento della decisione, ma anche genericamente a quelle successive conseguenti, in effetti non si pronuncia su una domanda, ma esplicita quell’obbligo consequenziale già contenuto nella legge.
Pertanto, ove l’altra parte impugni la decisione sotto questo profilo, lamentando la violazione dell’art. 112 c.p.c. (corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato), detta impugnazione sarà priva di interesse, poiché, ove anche accolta, non determinerebbe una posizione più favorevole per l’impugnante, in quanto, anche in assenza di detta statuizione, egli sarebbe sempre tenuto, ove già condannato al pagamento delle spese processuali, a rivalere la controparte di dette spese accessorie conseguenti alla sentenza.

  • Print
  • PDF
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Digg
  • del.icio.us
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks

Nessun commento »

Il tuo commento