Appunti di diritto amministrativo e civile

a cura dell'avv. Raffaello G. Orofino

È possibile la liquidazione in via equitativa del danno da fermo tecnico patito dal proprietario della autovettura danneggiata, anche in assenza di prova specifica in ordine al medesimo

Cassazione civile, Sez. III, 27 gennaio 2010, n. 1688

Responsabilità extracontrattuale – Responsabilità da circolazione di veicoli – Danno da fermo tecnico – Risarcimento in via equitativa.

È possibile la liquidazione in via equitativa del danno da fermo tecnico subito dal proprietario dell’autovettura danneggiata a causa della impossibilità di utilizzarla durante il tempo necessario alla sua riparazione anche in assenza di prova specifica in ordine al medesimo, anche in assenza di prova specifica in ordine al medesimo, rilevando a tal fine la sola circostanza che il danneggiato sia stato privato del veicolo per un certo tempo, anche a prescindere dall’uso effettivo a cui esso era destinato. L’autoveicolo è, difatti, anche durante la sosta forzata, fonte di spesa (tassa di circolazione, premio di assicurazione) comunque sopportata dal proprietario, ed è altresì soggetto a un naturale deprezzamento di valore.

  • Print
  • PDF
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Digg
  • del.icio.us
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks

Nessun commento »

Il tuo commento