Appunti di diritto amministrativo e civile

a cura dell'avv. Raffaello G. Orofino

Archivio » agosto 2009

Non sussiste rapporto di solidarietà passiva tra il Fondo di garanzia per le vittime della strada ed il soggetto responsabile del danno

Cassazione civile, Sez. III, 19 agosto 2009, n. 18401

Circolazione stradale – Responsabilità civile da circolazione di veicoli – Fondo di garanzia per le vittime della strada – Natura risarcitoria della relativa obbligazione – Non sussiste solidarietà passiva con il soggetto responsabile del danno – Conseguenze.

Nel sistema della legge sull’assicurazione obbligatoria della responsabilità civile da circolazione di veicoli, non si costituisce un rapporto di solidarietà passiva tra il Fondo di garanzia per le vittime della strada ed il soggetto responsabile del danno, perché l’obbligazione del Fondo ha natura risarcitoria e non indennitaria, ed è sostitutiva di quella del responsabile.

Ne consegue che la prescrizione dell’azione nei confronti del danneggiante non è interrotta da un valido atto interruttivo compiuto dal danneggiato nei confronti del Fondo (cfr. Cass. n. 2963/2002; Cass. n. 12671/2000).

  • Print
  • PDF
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Digg
  • del.icio.us
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks

L’insediamento sul fondo agricolo di un affittuario è condizione ostativa del diritto di prelazione del proprietario confinante

Corte d’Appello di Bari, Sez. II, 18 agosto 2009, n. 853

Prelazione agraria – Diritto di prelazione del proprietario confinante – Condizione ostativa dell’insediamento sul fondo dell’affittuario – Insediamento temporaneo di un affittuario attuato al sol fine di escludere l’altrui diritto di prelazione.

Premesso che il diritto di prelazione del proprietario confinante sorge nel momento in cui il venditore stipula con il terzo il contratto preliminare di vendita, e che pertanto a tale momento va riferito l’insediamento del conduttore che preclude l’esercizio del diritto di prelazione o di riscatto del proprietario confinante, va rilevato che la condizione ostativa del diritto di prelazione del confinante non richiede che l’insediamento dell’affittuario sul fondo offerto in vendita abbia una durata minima, essendo unicamente necessario, perché si verifichi l’esclusione della prelazione del confinante, che l’insediamento sia legittimo (cioè che avvenga in forza di un titolo giustificativo) e non sia caratterizzato da precarietà (che va esclusa nel caso di specie, in cui l’insediamento dell’affittuario sul fondo è avvenuto in forza di un contratto di affitto avente durata quinquennale; sulla non necessarietà che il contratto sia a tempo indeterminato, ovvero abbia durata quindicennale, tra le ultime, v. Cass. 1112/2006).

Vero è che la Corte di Cassazione ha ritenuto precario (e come tale non in grado di impedire l’esclusione del diritto di prelazione del confinante) l’insediamento temporaneo di un affittuario predisposto ed attuato al sol fine di escludere l’altrui diritto di prelazione (per tutte, v. Cass. 1112/2006, al cui testo si rinvia per la citazione degli ulteriori precedenti). Tuttavia, prospettandosi in questo caso l’esistenza di un accordo simulato (tale sarebbe il c.d. insediamento precario dell’affittuario, attuato al sol fine di escludere l’altrui diritto di prelazione), è necessario che ne sia fornita idonea prova da parte di chi ne deduca la sussistenza, fermo restando che la suddetta prova può essere acquisita anche in via presuntiva (in quanto chi agisce è terzo rispetto alle parti della simulazione, sicché non è soggetto alle limitazioni probatorie previste per queste ultime dall’art. 1417 c.c.), posto che, a mente dell’art. 2729 c.c., il fatto ignoto può essere provato anche mediante presunzioni, purché le stesse siano gravi, precise e concordanti.

  • Print
  • PDF
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Digg
  • del.icio.us
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks

La mancata indicazione dei condomini votanti a favore o contro la delibera approvata a maggioranza invalida la delibera stessa

Cassazione civile, Sez. II, 10 agosto 2009, n. 18192

Condominio – Delibera assembleare – Nullità della delibera che approvi spese non attinenti alla gestione condominiale.

Non è conforme alla disciplina codicistica omettere di riprodurre nel verbale l’indicazione nominativa dei singoli condomini favorevoli e contrari e le loro quote di partecipazione al condominio, limitandosi a prendere atto del risultato della votazione, in concreto espresso con la locuzione «l’assemblea, a maggioranza, ha deliberato».

Pertanto, la mancata verbalizzazione del numero dei condomini votanti a favore o contro la delibera approvata, oltre che dei millesimi da ciascuno di essi rappresentati, invalida la delibera stessa, impedendo il controllo sulla sussistenza di una delle maggioranze richieste dall’art. 1136 cod. civ., né può essere attribuita efficacia sanante alla mancata contestazione, in sede di assemblea, della inesistenza di tale quorum da parte del condomino dissenziente, a carico del quale non è stabilito, al riguardo, alcun onere a pena di decadenza.

  • Print
  • PDF
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Digg
  • del.icio.us
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks

E’ nulla la delibera condominiale che ratifichi una spesa non attinente alla gestione del condominio

Cassazione civile, Sez. II, 10 agosto 2009, n. 18192

Condominio – Spese comuni – Nullità della delibera che approvi spese non attinenti alla gestione condominiale.

Deve considerarsi nulla, e non già semplicemente annullabile, la delibera dell’assemblea di condominio che ratifichi una spesa assolutamente priva di inerenza alla gestione condominiale, non rilevando in senso contrario che l’importo della stessa sia modesto in rapporto all’elevato numero dei condomini e alla entità complessiva del rendiconto (nel caso di specie, la delibera aveva addebitato ai condomini le spese del telefono privato dell’amministratore nonché le spese di una licenza di software acquistata in proprio da quest’ultimo).

  • Print
  • PDF
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Digg
  • del.icio.us
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks